CRAL PALOMBINA - SENIGALLIA C. 2-1

08.12.2010 10:30

Formazione e commento

1-Profenna 2-Silvestrini 3-Manoni 4-Mengucci 5-Benenchia 6-Moretti 7-Franceschini 8-Sabbatini 9-Venarucci 10-Quattromini 11-Angeletti 12-Frondella 13-Toma 14-Castellani 15-Cognini 16-Rossetti 17-Fettah 18-Fraboni 19-Marinelli M

Marcatore: Sabbatini

In tutta sincerità non saprei come introdurre il commento di questa incredibile partita che per chi non l'ha assistita stenterà a credere al racconto. Sgombrando il campo da ogni possibile equivoco, riconosco il merito ai vincitori e tengo conto che oggi avevo la rosa al completo. Però c'è da raccontare un match disputato nel rispetto delle previsioni: loro non giocano a calcio ma a pallone, l'unica giocata che conoscono è il lancio lungo e il rinvio da area ad area del loro portiere (considerando che il campo è da 9....mi domando come si può permettere di giocare partite di cat allievi in campi come quello di via Liguria o l'Amadio?)! Però come dicevo hanno messo in campo le loro qualità agonistiche, caratteriali, la forza e la concentrazione...ma non il gioco, non sono capaci di fare due passaggi di fila....comunque hanno guadagnato l'accesso ai regionali senza rubare nulla (il Marina e il Della Rovere giocano decisamente meglio). Noi avevamo preparato benissimo la gara consapevoli di ciò che ci aspettava e i ragazzi sono stati praticamente perfetti a parte una mezza sbavatura nel finale di primo tempo che purtroppo ci ha penalizzato, subendo un gol evitabile. Inizio ripresa subito con il piede sull'acceleratore e Sabbatini verso il 10' finalizza con un tiro dal limite una pregevole azione in velocità. Sembra il preludio del raddoppio che Fraboni sciupa facendosi ribattere un tiro a tu per tu con il portiere e poco dopo Castellani batte a colpo sicuro dal limite ma la palla viene deviata fortuitamente in angolo. Bè giochi bene e non segni...e il Cral che fa? Nulla rinvi del portiere. Mancano circa 15' allo scadere e noi in forcing alla ricerca della vittoria, quando un tiro da 25 m senza alcuna pretesa, vede protagonista il nostro portiere incappare in un infortunio tecnico...perde l'equilibrio scivolando sul piede d'appoggio, riesce a toccare la palla ma questa tocca il palo interno e si deposita in fondo alla rete, con l'incredulità di tutti noi. Una mazzata del genere, ucciderebbe chiunque ma non i nostri ragazzi che con veemenza si ributtano in avanti e creano altre occasioni per pareggiare. Epilogo da film: siamo negli ultimi 10 secondi del recupero, Fettah con uno slalom entra in area e si procura la più clamorosa delle occasioni...il rigore. Sabbatini calcia forte e angolato, ma il portiere intuisce e con la punta delle dita tocca e manda sul palo interno...ma questa scorre lungo la riga ed esce e a nulla vale la ribattuta in rete di Fettah perchè per regolamento una volta calciato poi la gara è conclusa. Morale non sempre vince chi gioca meglio! Cala il sipario e tutti negli spogliatoi...e qui inizia il terzo tempo. Ragazzi e adulti con le lacrime agli occhi, con la consapevolezza di aver messo in campo forza, onore e orgoglio da vendere condita anche da una buona prestazione tecnica e do a tutti un 10 senza distinzioni di merito. Ora in termini aritmetici il pareggio o la sconfitta fa poca differenza, perchè comunque sabato contro l'Ancona sarà la madre di tutte le partite di questo scorcio di stagione ove abbiamo l'obbligo di vincere per superare il turno. Ma oggi noi dello staff abbiamo la certezza di aver creato un gruppo solido, consapevole e motivato e che sabato fornirà una grandissima prestazione, poi andrà come andrà. Quindi invito a venire venerdì all'allenamento e sabato alla partita anche coloro che non sono convocati e per tutto il settore giovanile a fare il tifo.

Antonio Rota & C